Il basket 2013 a Jesolo

A JESOLO ARRIVA IL GRANDE BASKET: IL 13-14 SETTEMBRE IL TROFEO “CITTA’ DI JESOLO”

di Matteo Valente

jesolo_basket_2013Il grande basket ha scelto ancora Jesolo e il suo incantevole scenario per un appuntamento di spessore. Venerdì 13 e Sabato 14 Settembre 2013 EDSport in collaborazione con il BASKET CLUB JESOLO eil patrocinio di FIP VENETO organizzerà il 1° Torneo Internazionale Città di Jesolo, quadrangolare del pre-campionato di Serie A con Umana Reyer Venezia, Cimberio Varese, Granarolo Virtus Bologna e Cibona Zagabria.

La manifestazione si svolgerà al Pala Arrex, in piazza Brescia 11 a Jesolo e sarà patrocinata dal Comitato Regionale e Nazionale della FIP. All’interno del Palasport verrà allestito un Museo del Basket intitolato a DRAZEN PETROVIC, a vent’anni dalla scomparsa dell’indimenticato campione.

Per l’occasione gli organizzatori invitano le squadre del settore giovanile delle società del Veneto, fino alla categoria Under 17 (nati fino al 1997), a partecipare GRATUITAMENTE alla manifestazione. Per ogni 10 partecipanti entrerà con loro gratuitamente anche 1 accompagnatore o dirigente.

Ad ogni società che si accrediterà, sarà riservata una busta alla cassa accrediti del Pala Arrex. All’interno dell’impianto l’organizzazione riserverà un intero settore del palasport alle società accreditate. Per coloro che non rientrano nella convenzione, genitori o dirigenti, il prezzo del biglietto è di Euro 10 valido per entrambe le partite della giornata.

da venetoblog.corrieredelveneto.corriere.it

Lungomare di Jesolo Pineta intitolato a Del Piero

Jesolo intitola il lungomare della Pineta a Alex Del Piero
La cerimonia con il calco del piede del campione si terrà l’11 agosto. Il campione sarà in ritiro pre-campionato con il suo Sydeny dal 2 al 22 agosto

di Giovanni Cagnassi

jesolo_pineta_del_pieroJesolo intitola il lungomare della Pineta a Alex Del Piero, il campione di calcio in ritiro precampionato con il suo Sydney dal 2 al 22 agosto proprio nella località veneziana.

Domenica 11 agosto sarà organizzata la cerimonia con il calco del piede, e non della mano come di consueto, di Alex. Sarà dunque scoperta la targa “Lungomare Alessandro Del Piero”, davanti al consorzio Relax Beach, quindi nella zona di piazza Europa. Una battaglia vinta per gli operatori della Pineta che da anni chiedono maggiori attenzioni da parte del Comune e delle associazioni di categoria.

Nei giorni scorsi, dalle sale scintillanti dell’hotel Elite, i titolari avevano parlato a nome degli operatori della zona per sollecitare un interessamento nell’occasione dell’arrivo di Del Piero.

«La Pineta è stata la parte più colpita dalle mareggiate», ha detto il presidente della Federconsorzi di Jesolo, uno degli artefici dell’arrivo di Del Piero, Renato Cattai, «per questo motivo, e per i ritardi che questo tratto ha dovuto subire all’inizio della stagione, abbiamo pensato a intitolare il lungomare che sarà un modo per rilanciare tutta la zona est del lido». La città si prepara ad accogliere il grande calciatore con tutta la sua formazione. Sarà una festa per la Jesolo, costata circa 280 mila euro, di cui 90 mila dal Comune e 60 mila dalla Regione.

Ci sono stati anche dei dissensi mal celati in giunta e nella maggioranza, ma l’operazione Del Piero sembra aver centrato il primo obiettivo: far parlare di Jesolo in Italia e nel mondo. Il sindaco, Valerio Zoggia, ci crede fortemente, così come le associazioni di categoria del turismo che sono state compatte e hanno coperto una consistente parte dei costi.

da nuovavenezia.gelocal.it

Jesolo il concerto dell’ex attaccante austriaco Johann Krankl

jesolo_johann_krankl_concertoKrankl giovedì in concerto a Jesolo
L’ex attaccante austriaco, 60 anni, si dedica alla musica

Quando giocava a calcio, riempiva gli stadi; adesso riempie le piazze con quella che è sempre stata la sua passione: la musica. L’austriaco Johann Krankl, 60 anni, ex bomber di Barcellona e Rapid Vienna, è da tempo presenza fissa a Jesolo per le vacanze.

”Tra i miei amici, avevo dei musicisti – racconta – e con loro ho iniziato a far qualcosa”. Con la sua cover band, che spazia su vari generi (italiano compreso), giovedì sarà in concerto proprio a Jesolo, per un regalo alla sua seconda città.

da ansa.it

Max Calderan a Jesolo per la corsa di 24 ore su una scala a chiocciola

Se la sfida è folle: a Jesolo corsa di 24 ore su una scala a chiocciola
Max Calderan, corridore estremo, tenterà di percorrere per 24 ore consecutive una scala a chiocciola a due piani. Tutto per solidarietà

max_calderan_jesolo_giugno_2013Tenterà il suo decimo record del mondo: Max Calderan, 46 anni, noto per aver attraversato i deserti correndo, approda a Jesolo per una nuova difficile impresa. Correrà per 24 ore consecutive su e giù da una scala a chiocciola a due piani, struttura realizzata appositamente per lui, dalle 22 di venerdì 21 giugno alle 22 del giorno seguente. L’evento è a scopo benefico: Calderan correrà, infatti, per raccogliere fondi a favore di Paolo, un ragazzo di 15 anni affetto da una grave malattia del sangue.

“La famiglia del ragazzo ha difficoltà economiche e non riesce a sostenere un eventuale percorso terapeutico che comprende un approccio globale a questo scenario: test genomico, fisioterapia, alimentazione, farmaci, assistenza e visite anche superspecialistiche – spiega Calderan”. La location scelta per raccogliere fondi e tentare il record è piazza Mazzini: “Volevo provare questo record a Dubai, ma ho scelto Jesolo perché amo l’Italia. Anche questa volta mi spingerò oltre il limite, per me correre una maratona è troppo facile”.

Durante lo svolgimento della prova, Max Calderan si fermerà per micro cicli di sonno di 10 minuti, avrà a disposizione i servizi accanto alla scala e potrà mangiare e bere, ma senza fermarsi. Calderan è noto per aver attraversato di corsa e nelle più difficoltose condizioni numerosi deserti , come il deserto del Sinai in Egitto, 148 chilometri in 23 ore a una temperatura di 52 gradi o il deserto degli Emirati Arabi, 120 chilometri in 24 ore a una temperatura di 58 gradi senza cibarsi né bere.

Nemmeno gli scienziati si spiegano come un uomo possa arrivare a svolgere prove talmente estreme senza assistenza medica e rigorosamente da solo in mezzo alla sabbia. Quest’anno la sfida sarà diversa, ma lui è pronto e si sta già allenando. L’evento previsto per venerdì 21 giugno 2013, organizzato da Happy Fit, catena di centri fitness, di cui Calderan è “Brand ambassador”, rientra nel periodo delle “Notti Gialle” a Jesolo, previste da lunedì 10 a domenica 23 giugno.

da veneziatoday.it

Ritiro estivo a Jesolo per Del Piero ?

Del Piero in ritiro a Jesolo, L’annuncio nelle prossime ore?
Stretta finale per portare il Sidney sulla Riviera. Il fratello (e manager) di Alex in sopralluogo allo stadio

jesolo_ritiro_estivo_del_pieroIl Sidney di Del Piero sempre più vicino all’Italia, e a Jesolo. Potremmo essere alle battute finali della trattativa che riporterà a casa, per il ritiro estivo, l’ex capitano della Juve. Sono state confermate le voci che parlavano di Stefano Del Piero (fratello del giocatore) in visita allo Stadio Armando Picchi per effettuare il sopralluogo.

Il fratello e manager di Alex sarebbe apparso molto soddisfatto delle strutture e dei servizi del centro sportivo che includerebbero tra l’altro un’area ricreativa (con tanto di parco giochi per bambini) disponibile durante gli allenamenti aperti al pubblico. Dodici sedute-evento che il Sidney ha già messo in programmaper i venti giorni di permanenza in Italia. Inoltre il fatto che Conegliano, città natale di Del Piero, disti poco più di 60 chilometri dal campo di allenamento potrebbe essere il fattore decisivo per battere la concorrenza di Viterbo (che si è proposta per ospitare il ritiro).

Mentre la città gongola al solo pensiero di poter avere il numero dieci sui propri lidi si intensificano i contatti telefonici tra Stefano Del Piero e gli operatori locali. Il Comune di Jesolo e il Consorzio di Promozione Turistica stanno lavorando senza sosta con l’aiuto delle associazioni di categoria, tra cui Aja (Associazione Jesolana Albergatori) e Federconsorzi, per chiudere l’accordo il prima possbile. E per l’annuncio potrebbe essere questione di ore.

da panorama.it